Torna all'elenco delle serate


Radio Due

Data: 30 marzo 2008
Ora: 13.00
Trasmissione : Tutti i colori del giallo
Città: Milano

 

Radio non solo per le orecchie.


I cauboi si trovano in Corso Sempione e qualcuno si chiede dov’è la statua del cavallo.
Entriamo e c’è da far la coda per presentare i documenti e non ci facciamo mancare considerazioni sui tanti schermi accesi: “Taant el paghém noem el canone, neh!”
Ci danno il petigrìì che scade dopo 7 minuti ed è certo ormai che a Milano non passi più da nessuna parte senza un qualche tesserino.
Entriamo nello studio tutto intorcinato di cavi che a qualcuno vien paura di strapparli e lasciar l’Italia senza TV.
C’è una panca di legno su cui possiamo sederci che scricchiola troppo sotto al culo, un pianoforte d’appoggio, ogni muro ha panettoni assorbenti con forme strane e abbiamo occhi che toccano in giro più delle mani.
Si preparano un paio di registrazioni postdatate e poi via la diretta col regista dietro un vetro che tiene i secondi un dito alla volta.
Siamo all’improvvisazione spinta e tutto fila veloce, sono abili a scambiarsi la palla e svelti anche il musicisti a capire al volo.
Noi stiamo buoni buoni, quasi zitti in certi momenti e applaudiamo anche quando ci fanno segno.
Viene svelato il concetto di “Pica!” in salentino (a microfoni chiusi) ed è facile immaginare una notte della Taranta molto molto gestuale.
Luca Crovi e lo staff sono davvero ospitali e a trasmissione chiusa ci invitano in mensa.
La mensa Rai ha tanti televisori, tavoli che li puoi far lunghi come vuoi e le sedie se le tiri indietro per sederti poi ritornano al loro posto da sole.

E’ chiaro che il gioco dei cauboi che vanno a Milano è divertente, la prossima volta ci portate in TV che mettiamo la cravatta?

Michi