da La Provincia di Lecco (23-05-03)

Articoli su Davide e il suo mondo apparsi su giornali e riviste

Moderatore: Baristi

da La Provincia di Lecco (23-05-03)

Messaggioda vane » sab mag 24, 2003 3:02 am

Intervista
Il menestrello folk plaude al lariano («ma capisco poco le parole»)
Branduardi: «De Sfroos? Mi piace»

Assorto e poetico Angelo Branduardi suona stasera a Varese

Giordano Casiraghi U n tour denominato «Altro e altrove», come il titolo del nuovo cd, iniziato a Mestre in aprile e che stasera passerà da Varese, al Teatro Impero, biglietti a 15 euro, inizio ore 21. La tappa di Varese sostiene le iniziative di alcune associazioni impegnate sul fronte della prevenzione del cancro al seno. Quanto a Branduardi, è quello di sempre, con più fili d’argento in una capigliatura immutata nel tempo come volume. Lui che viene identificato come menestrello della canzone popolare, in qualche modo ispiratore per tanti artisti che avrebbero seguito il percorso del folk, nelle varianti etiche e world music. Lo stesso Van De Sfroos potrebbe avere qualche debito di riconoscenza, ma interrogato in proposito Btranduardi non rivendica alcuna paternità. Lei che è stato un precursore del folk nella canzone d’autore, cosa ne pensa di artisti come Van De Sfroos e Sultumana, apprezzati ormai anche fuori dai confini puramente locali? Van De Sfroos l’ho sentito suonare a Varese qualche mese fa. Mi è piaciuto, la band suona bene, anche se non riuscivo a capire il significato di tutte le parole. Lei non ha mai pensato di scrivere canzoni in dialetto? No, la mia musica non è proprio adatta per accogliere il dialetto. (...)

http://www.laprovinciadilecco.it/online ... zia=705790
vane
 
Messaggi: 66
Iscritto il: mer feb 19, 2003 6:23 pm

Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron