da: "L'Eco di Bergamo" del 28/07/03

Articoli su Davide e il suo mondo apparsi su giornali e riviste

Moderatore: Baristi

da: "L'Eco di Bergamo" del 28/07/03

Messaggioda Fantasmino » lun lug 28, 2003 5:22 pm

Van De Sfroos un cantastorie tra violino e folk

CLUSONE Fare il cantautore non è cosa da poco: alla musicalità dei pezzi, ai loro arrangiamenti, bisogna aggiungere testi densi, pieni di storie e di significati, senza scivolare però nella filosofia o, con troppa presunzione, ergersi a poeta, perché come diceva Fabrizio de André, citando Croce, «dopo i 18 anni, chi continua a scrivere poesie o è un poeta o è un cretino: io preferisco considerarmi un cantautore».
La maggiore età Davide Van De Sfroos l'ha oltrepassata da un pezzo, lo ha dimostrato sabato sera esibendosi per oltre due ore sul palco della festa dell'oratorio di Clusone, davanti a 1500 persone entusiaste. Il cantautore di Azzano di Mezzegra, piccolo paese sul lago di Como, ha viaggiato dentro il suo ultimo album, «Laiv», dando spazio a pezzi vecchi e nuovi e ricevendo scroscianti applausi dai suoi «Cau boi», i fan instancabili che hanno ballato e cantato con lui per tutta la sera.
Apertura del concerto con il pezzo che dà il nome d'arte a Davide Bernasconi, che s'intitola appunto «De sfroos», espressione dialettale del suo paesino. I generi musicali si alternano in rapida successione sul palco: dalle ballate accompagnate dal violino fin allo ska, con qualche intermezzo folk e reggae. Insomma un po' per tutti i gusti, raccontando storie di soldati e guerre o vicende molto più semplici ed ironiche di disperati da osteria e ossessionati dalle mogli.
Pezzi che rientrano nel repertorio tipico di Van De Sfroos, pezzi che la gente acclama a gran voce, come «Pulenta e galena fregia» (ormai un tormentone) oppure come «Il figlio di Guglielmo Tell», passando per la «Ninna Nanna» con tanto di accendini a sventolare per arrivare fino al «Cyberfolk» che chiude il concerto, prima dell'immancabile bis.
Intendiamoci: i tratti essenziali delle recenti generazioni di musica d'autore ci sono tutti, anzi forse sono addirittura troppo presenti per non far storcere un po' il naso. Pare quasi che qualcosa sia raccolto per obbligo di mestiere: le storie da osteria che racconta Davide Van De Sfroos sembrano più passaggi obbligati e richiesti dall'esigenza di un certo pubblico, che un vero atto da cantastorie (o menestrello alla Branduardi). Lo stesso svolgersi del concerto è ben scandito dai watt e dai ritmi della musica, ma c'è poco spazio all'improvvisazione, al contatto col pubblico: le battute appaiono spesso scritte al copione e non frutto di trovate del momento o di coinvolgimento di e con il pubblico. Il concerto è gradevole per la musica ballabile, i testi un po' criptici per chi non è propriamente appassionato di vernacoli, un po' leggeri per palati più abituati ai cantautori vecchio stampo: tant'è, questo è Davide Van Sfroos, il pubblico lo acclama, lo applaude tutto in piedi e la serata scorre via nel fresco collinare di Clusone.
Damiano Grasselli
Fantasmino
 
Messaggi: 574
Iscritto il: mar gen 07, 2003 12:24 am
Località: milano

Re: da: "L'Eco di Bergamo" del 28/07/03

Messaggioda Fantasmino » lun lug 28, 2003 5:26 pm

Fantasmino ha scritto:Van De Sfroos un cantastorie tra violino e folk

Lo stesso svolgersi del concerto è ben scandito dai watt e dai ritmi della musica, ma c'è poco spazio all'improvvisazione, al contatto col pubblico: le battute appaiono spesso scritte al copione e non frutto di trovate del momento o di coinvolgimento di e con il pubblico. Damiano Grasselli



Che dire? Avrà mai visto altri suoi concerti? Avrà mai ascoltato i brani in versione originale? Sono perplesso...... :? :? :?
"Il lavoro è il rifugio di coloro che non hanno nulla di meglio da fare"
OSCAR WILDE
Fantasmino
 
Messaggi: 574
Iscritto il: mar gen 07, 2003 12:24 am
Località: milano

Messaggioda Inti » lun lug 28, 2003 5:56 pm

concordo con te Franco!
Se proprio c'è una cosa che rende diverso ogni concerto del Davide sono le battute e gli intermezzi tra una canzone e l'altra.

Comunque a Clusone non ha fatto nulla di speciale... un compitino nell'ordinario.
('
_)tefano
yo no canto por cantar
ni por tenir buena voz
canto porque la guitarra
tiene sentido y razón
Inti
 
Messaggi: 72
Iscritto il: mer feb 19, 2003 6:14 am
Località: Melegnano

Messaggioda [WidaR] » lun lug 28, 2003 6:01 pm

Penso proprio che abbia assistito solo al concerto di Clusone :?
Beh dai, almeno non ha tirato in ballo la politica... :wink:
Andrea

Email/MSN: afabris86<at>yahoo<dot>it
[WidaR]
 
Messaggi: 162
Iscritto il: mer feb 19, 2003 9:12 pm
Località: Gorgonzola (MI)


Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron