da "La Provincia di Como" 01/03/03

Articoli su Davide e il suo mondo apparsi su giornali e riviste

Moderatore: Baristi

da "La Provincia di Como" 01/03/03

Messaggioda Neve » dom mar 02, 2003 6:08 pm

SPETTACOLI (pag. 42) Mentre mietono nuovi adepti dal Piemonte alla Calabria, Van De Sfroos e band coronano una settimana intensa Davide con «Laiv» davvero dal vivo Stasera il battesimo «in casa» del nuovo album al PalaOregon di Cucciago.

Un’altra settimana di grazia per Davide Van De Sfroos, quella coronata dall’esibizione di questa sera al PalaOregon di Cucciago (ore 21, ingresso euro 17). L’ingresso nella “top twenty” nazionale con il doppio album dal vivo Laiv, l’intervista a tutta pagina sull’inserto Musica di Repubblica, il suo nome stampato a caratteri cubitali su una dozzina di quotidiani e sulla copertina del nuovo disco delle Balentes. In attesa dell’evento comasco del 27 marzo, con il concerto al teatro Sociale, il concerto benefico organizzato dalla Pro Cantù e da CentroCantù sembra giungere a puntino. La serata è dedicata a Claudio Ratti, il missionario laico che ha operato e opera, attraverso la fondazione che porta il suo nome, in America Latina. Ma è anche la prima grande tappa del songwriter laghée nel suo territorio. Accompagnato dall’ormai inossidabile band formata dal bassista e arrangiatore Alessandro “Pocahontas” Parilli, da Claudio Beccaceci alla chitarra, Diego Scaffidi alla batteria, Simeone Pozzini alla fisarmonica e Angapiemage Galliano Persico al violino, Davide Bernasconi propone quelli che per il popolo di desfans sono già “grandi successi” e per il resto del mondo le canzoni più rappresentative con le quali farsi conoscere e apprezzare. E’ l’occasione per ascoltare il trasporto “laiv” del nuovo singolo Sguarauunda e degli altri brani inediti presenti nel doppio dal vivo, dalla dean-dreana Sciur capitan alla simpatica L’esercito delle dodici sedie e all’omaggio a Tom Waits con il racconto blues liberamente tratto da Frank’s wild years , trasposto dal Midwest americano alla Val d’Intelvi, seguendo la storia degli “ann selvadegh del Francu”. Non si fa fatica a prevedere un Pianella strapieno per intonare all’unisono brani ormai entrati a far parte dell’immaginario collettivo insubrico e che stanno mietendo nuovi adepti anche in Piemonte, Emilia-Romagna e addirittura Sardegna e Calabria. Le recenti Sugamara e E semm partii sono considerate classici al pari delle vecchie Il diavul o Poora Italia . E’ lui, per tutti ancora “il Davide”, ad essere rimasto quello di sempre. Non saranno certo le intrusioni nei varietà di mamma Rai a cambiarlo, al massimo (come lui stesso ha ammesso) gli creeranno semmai nuove ansie «che aiutano a comporre, a creare». Non si adagia sugli allori, il cantautore, nel tempo liberò già pensa al nuovo disco che attingerà dalle ballate popolari friulane o pugliesi, che parlerà di riti pagani e macumbe nostrane. Ma è alle porte anche un’intensa attività di promozione di Laiv , tra locali che già lo hanno visto esibirsi (A Reggio Emilia, a Forlì) e tempi della musica del centro sud (l’Alpheus di Roma).
Alfredo del Curatolo

http://www.laprovinciadicomo.it/online/ ... zia=642989
Neve
 
Messaggi: 25
Iscritto il: mer feb 19, 2003 6:42 am

Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti