da: "L'Adige" - 31/08/2004

Articoli su Davide e il suo mondo apparsi su giornali e riviste

Moderatore: Baristi

da: "L'Adige" - 31/08/2004

Messaggioda marina » mar ago 31, 2004 2:27 pm

Liriche comasche e impegno costante e internazionale
De Sfroos e «Poor´Italia»
Entusiasmo ad Andalo per il cantautore


L´altra sera al Palacongressi di Andalo un pubblico partecipe ha ascoltato il concerto di Davide Van de Sfroos


Di NIKKA VISCONTI
ANDALO - Rock, folk, musica popolare e, perché no, un pizzico di ska, quel tanto da permettere al pubblico di scatenarsi "in pista". Questa è la musica di Davide Van De Sfroos, il cantautore comasco che si è esibito l´altra sera ad Andalo. Il Palacongressi è pieno: è un pubblico affezionato, che conosce già le sue canzoni molto bene.
E non c´è da stupirsi, perché Davide, con la sua musica dialettale e decisamente fuori dagli schemi, continua a riscuotere molti successi, innanzitutto nella critica. Nel 1999 gli viene assegnato, a Sanremo, il Premio Tenco, in qualità di "miglior autore emergente" e, nell´ottobre 2002, riceve la Targa Tenco come migliore album in dialetto; per non parlare poi delle 50 mila copie vendute di "E Semm Partii", il suo ultimo album, uscito nel 2001.
Con lui altri sette musicisti; oltre agli strumenti tradizionali: basso, batteria e chitarre, sono presenti sul palco, anche violino, fisarmonica, mandolino e due trombe, che conferiscono alla musica di Van De Sfroos quella sua coloritura "popolareggiante". I suoi testi, rigorosamente in dialetto, non sono mai superficiali: in essi Davide cerca un punto di collegamento fra due società diverse, quella della campagna, in cui lui è vissuto, e quella di città. Ma sono solo i ritmi di vita ad essere diversi, non la gente: le stesse grandezze e le stesse miserie, le stesse gioie e le stesse paure.
Davide è un cantautore che non tralascia di far sapere le sue opinioni, sia nei testi, sia sul palco. Il suo concerto inizia, infatti, con una riflessione sulla banalità della guerra e della violenza, "in una guerra non possono esserci dei vincitori" - dice Davide.
Le tematiche sociali sfociano soprattutto in "Poor´ Italia", una canzone sul nostro povero Paese, che troppo bistrattiamo.
Ma nel Palacongressi i momenti carichi di pathos sono molti, soprattutto durante "Ninna Nanna del contrabbandiere", che il pubblico canta con commozione.
Non mancano nemmeno i richiami all´infanzia: in "Kapitan Kurlash" Davide racconta la storia del suo super eroe di quando era bambino, mostrando tutta la sua fantasia che è sfociata anche in due libri: una raccolta di poesie "Perdonato dalle lucertole" e "Capitan Slaff", una lunga favola fantastica.
marina
 
Messaggi: 971
Iscritto il: mer feb 19, 2003 5:38 am

Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron